Cos è il Churn Rate e come funziona

admin
admin

Svolta precoce

Un cliente conquistato non è più un cliente da conquistare. Dietro questa più che ovvia verità si nasconde una realtà aziendale. È più facile fidelizzare un cliente che conquistarne uno potenziale. Nonostante ciò, il marketing raramente si sforza di raggiungere questo obiettivo.

Coinvolgendo regolarmente i clienti nelle vostre attività di marketing: inviando loro newsletter o invitandoli a eventi. Premiare la loro fedeltà: inviare buoni regalo o sconti. Ricordarli nelle nostre azioni commerciali: andare a trovare un cliente quando tutto va bene è anche un modo per dimostrare che l’azienda è ancora presente. Se, inoltre, il venditore invita il cliente a pranzo, ad esempio, la minaccia di abbandono si allontana.

Ci sono molte informazioni che possono aiutarci a prevedere il churn. Un cliente che ha chiamato l’helpdesk e scopre che il suo reclamo rimane senza risposta dopo 5 settimane ha un’alta probabilità di rivolgersi a un concorrente.

Una legge che facilita la disdetta di un contratto telefonico o un nuovo regolamento che facilita la portabilità dei dati nel settore bancario sono rischi di churn contro cui questi settori hanno dovuto lottare.

  Esercizi per migliorare la comunicazione nel marketing digitale

Churn kpi

Molte aziende tendono ad avere alti tassi di abbandono, soprattutto in tempi di crisi. A causa di problemi di assistenza o di customer care, queste aziende devono affrontare grandi sfide per mantenere i loro clienti interessati e attivi nella loro base di clienti.

In termini semplificati, il churn rate è il tasso di abbandono della base clienti di un’azienda, il che lo rende un indicatore importante per gli obiettivi aziendali delle organizzazioni.

Esistono diversi sistemi e piattaforme che monitorano questo tasso in modo automatizzato ed efficiente, come gli strumenti CRM e SaaS. Tuttavia, è possibile calcolarlo con una formula semplice e pratica:

Poiché si tratta di un dato legato all’abbandono e alla rinuncia, tutte le aziende vogliono ridurlo a zero. Tuttavia, in uno scenario reale e possibile, l’alternativa migliore è lavorare per mantenere il tasso basso e stare all’erta nel caso in cui inizi ad aumentare.

Spesso i venditori fanno grandi promesse ai clienti al momento della negoziazione. Questo crea aspettative sul prodotto o sul servizio offerto che possono in seguito mettere sotto pressione l’azienda e ostacolare il rapporto con il cliente.

Che cos’è il tasso di abbandono

Ma la cosa peggiore non è questa, bensì che il modo migliore per ammortizzare questo investimento è far sì che ogni cliente acquisti da noi più di una volta. Perché dopo il primo acquisto, il costo di acquisizione è coperto, quindi la redditività di ogni nuova vendita è maggiore.

  Che cos è un dossier digitale?

Ecco perché oggi vogliamo parlarvi di: siete pronti a evitare che i clienti vi sfuggano di mano? Indice di rotazione Il tasso di rotazione è l’indice che misura la percentuale di clienti che smettono di acquistare nel vostro e-commerce in un determinato periodo di tempo.

In altre parole, avete perso il 16% dei vostri clienti ✅ 2. Se conoscete il vostro tasso di fidelizzazioneIl tasso di abbandono è il dato complementare al tasso di fidelizzazione, che è la percentuale di clienti che rimangono fedeli alla vostra azienda (quelli che “restano” e continuano ad acquistare da voi).

I risultati sono che il vostro tasso di fidelizzazione è dell’83% (clienti che rimangono fedeli) e il vostro tasso di abbandono è del 17% (clienti che hanno smesso di acquistare da voi).✅ Qual è il giusto tasso di abbandono per un’azienda di e-commerceL’ideale sarebbe avere un tasso di abbandono pari a zero, ma è assolutamente impossibile, perché ci saranno sempre clienti che comprano da voi una volta e non tornano più.

  Che cos è il volano nell Inbound Marketing?

Esempi di tasso di abbandono

Questa metrica consente di ottenere la percentuale di abbandono del sito web in base al numero di follower, l’importo totale in base al numero totale di iscritti o le perdite generate dall’abbandono delle visite al sito web.

Nel caso di un e-Commerce, il calcolo del Churn Rate è un po’ più complesso, poiché sarebbe necessario effettuare una selezione di un gruppo di clienti. Il modo più semplice sarebbe quello di condurre un’azione di marketing per un mese, riunendo tutti i nostri clienti abituali e ottenendo i calcoli alla fine per vedere qual è stata la loro risposta a questi cambiamenti.

Per ridurre il tasso di abbandono, è necessario prendere in considerazione diversi aspetti quando si effettuano azioni all’interno del nostro e-Commerce o business online. Ecco alcuni passi importanti da tenere in considerazione:

Per evitare che i vostri contatti se ne vadano verso i vostri concorrenti, parlate direttamente con loro ricordando loro perché il vostro prodotto/servizio è ancora il migliore sul mercato e perché dovrebbero continuare a visitare il vostro sito web.

Questo sito web utilizza i propri cookie per il suo corretto funzionamento. Facendo clic sul pulsante Accetta, l\\\'utente accetta l\\\'uso di queste tecnologie e il trattamento dei suoi dati per questi scopi.    Ulteriori informazioni
Privacidad